SACRO

Narro luoghi della memoria personale; come li immagino: privati dal frastuono quotidiano; incantati; monumentali. La tela, immobile, costringe i colori, gli oggetti, il dipinto, a fuggire dai confini, dallo spazio pittorico e vagare il tempo, il mio, quello di ognuno.